Tante valutazioni in casa History Roma 3Z sul futuro del futsal. A esporre la sua opinione ? il numero uno dei gialloblu Luciano Zaccardi, che ha dato la sua visione personale di quelli che saranno i prossimi mesi.

PRIMA LA SALUTE, POI IL RESTO – Zaccardi ha tenuto a precisare che, in questo momento preciso, il problema principale non è il calcio a 5, ma, da uomo di sport, si auspica che la situazione migliorerà, con un forte e concreto lavoro di supporto da parte delle istituzioni e dalla LND. Nella mia opinione personale c’è poco da decidere – premette il presidente -, credo che sia ovvia e lampante la necessità di dover interrompere i campionati e, quindi, trovare il modo più corretto di ripartire il prossimo anno. Per quel che mi riguarda, in questo periodo storico ritengo che la priorità assoluta sia assolutamente la salute pubblica. In questo momento, da cittadino prima e da presidente di una società sportiva poi, penso che, prima di tornare a parlare di sport, dobbiamo concentrarci sulla salute e risolvere il problema dell’economia, del lavoro e poi la riapertura delle scuole, perchè senza, non ci saranno neanche le palestre a disposizione, in modo tale da tornare, nei tempi giusti, alla vita quotidiana: questa è la priorità assoluta. Tornando al discorso sportivo, ritengo che gli enti preposti dovranno trovare una soluzione: sarà molto difficile, se non impossibile, individuare una via che farà contenti tutti. Sicuramente, per il prossimo anno ci vorranno dei cambiamenti regolamentari e non solo. La cosa che auspico è che si trovino alternative per aiutare chi ha investito molto in questa stagione e venire incontro alle tante esigenze delle società con concretezze e certezze, di cui la popolazione sportiva ha bisogno ora. Per lo sport italiano vi dovranno essere delle sinergie statali, perché tutti noi sappiamo che le aziende e lo sport camminano spesso di pari passo.

SETTORE GIOVANILE – Zaccardi molto attento in merito all’evoluzione del discorso legato all’attività giovanile, la quale rappresenta il fiore all’occhiello per la società capitolina, interrotta a causa dell’emergenza sanitaria. La nostra è una società che da sempre ha investito molto sui giovani – asserisce Zaccardi -, arrivando negli anni a creare una delle rose più giovani nel campionato di Serie B, comprovando che il volere è potere. Sicuramente l’investimento è stato importante per noi, come anche per molte altre società a livello nazionale che investono nei settori giovanili e anche qui c’è da lavorare su una soluzione, per evitare che tutti gli sforzi diventino vani. Premesso che senza scuole non ci sono palestre e senza la riapertura delle strutture sportive non ci sono neanche gli impianti comunali, per me una delle idee valide è quella del congelamento delle fasce d’età, ossia, il prossimo anno, fare in modo che le rose restino le stesse di quest’anno. In questo discorso, mi riferisco a tutte le varie categorie, senza distinzioni, il che permetterebbe a tutti di poter ripartecipare con gli stessi effettivi e, così non ricreare il roster in un momento così particolare e complicato per tutti, anche perchè, stando a casa, tutto si è fermato da tanti giorni. Ovviamente si tratta, come detto, della mia opinione personale. Per ora possiamo solo attendere quello che deciderà la LND per tutti i campionati e, ripeto, non sarà semplice per nessuno. Concludo dicendo che dobbiamo pensare che la soluzione dello sport non è solo legata a noi, uomini di campo, ma ci sarà bisogno di provvedimenti di altro genere. Non dimentichiamoci mai di quanto sta succedendo, sperando di poterne uscire quanto prima.

Redazione Calcio a 5 Live

Articolo Originale